TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Armatori preoccupati della politica italiana sui migranti

E-mail Stampa PDF

L'associazione degli armatori europei Ecsa è preoccupata del divieto di approdo dell'Aquarius in un porto italiano, perché le navi delle Ong ospitano anche i naufraghi recuperati dai mercantili.


Aquarius Nave Medici Senza FrontiereL'opinione pubblica pensa che tutti i migranti ospitati dalle navi di soccorso delle Ong nel Mediterraneo meridionale siano recuperati dal mare dalla nave stessa, mentre nella maggior parte dei casi ricevono naufraghi salvati da navi militari, della Guardia Costiera o da mercantili. In particolare, questi ultimi possono riprendere subito la navigazione, altrimenti sarebbero costretto a deviare verso un porto sicuro per sbarcare le persone salvate. Inoltre, i cargo non sono attrezzati per ospitare a bordo passeggeri. In questa situazione si è trovata anche la nave Aquarius, cui è stato impedito l'approdo in un porto italiano mentre ha ancora 629 migranti a bordo, di cui 119 erano stati salvati dal cargo Jolly Vanadio. Perciò, gli ostacoli posti dal Governo italiano alle navi delle Ong preoccupano l'associazione degli armatori europei Ecsa, che il 12 giugno 2018 ha diffuso una nota dove spiega di ritenere "molto allarmante che l'Italia abbia recentemente rifiutato una nave umanitaria per sbarcare persone salvate nei porti italiani. I passeggeri includevano bambini, donne incinte e persone che necessitavano di assistenza medica. Avrebbe dovuto essere garantito che queste persone ricevessero le cure di cui avevano bisogno il prima possibile".
Il segretario generale dell'associazione, Martin Dorsman spiega che "anche le navi mercantili possono essere invitate ad assistere il salvataggio di migranti. In conformità con le convenzioni internazionali, il capitano ha l'obbligo legale di aiutare le persone in difficoltà in mare, e ovviamente onorerà questi impegni quando necessario. Tuttavia, le navi commerciali non sono equipaggiate, né gli equipaggi sono addestrati a effettuare salvataggi su larga scala o a tenere a bordo i migranti per lungo tempo. Secondo l'Ecsa conclude che "l'industria marittima è direttamente interessata dai migranti in mare. Mentre il numero di migranti salvati dal mare è diminuito rispetto al picco dell'anno 2015, le navi mercantili sono ancora spesso coinvolte nelle operazioni di ricerca e soccorso (SAR) nel Mediterraneo centrale, occidentale e orientale".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 989

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed