TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Entra in vigore la Legge Cociancich per i marittimi

E-mail Stampa PDF

L'11 giugno 2018 è entrato in vigore in Italia l'emendamento alla normativa comunitaria che regola il regime fiscale per gli armatori, allineandosi con la Tonnage Tax.


Moby Aki navigazioneIeri è entrato in vigore il Decreto legislativo 221/2016, dopo diciotto mesi dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. La novità più importante per il comparto armatoriale è la modifica dei benefici fiscali previsti dal Registro Internazionale, che da ieri possono essere applicati alle navi che utilizzano esclusivamente marittimi comunitari, compresi i traghetti. E proprio l'applicazione della Cociancich (dal nome del senatore che la ha proposta) alle autostrade del mare è stata nei mesi scorsi una delle principali cause del conflitto sorto all'interno del mondo armatoriale italiano, con due fronti rappresentati dalla famiglia Onorato (favorevole alla nuova Legge) e da Confitarma (contraria). Una prima reazione viene da Vincenzo Onorato, che in concomitanza all'entrata in vigore della Legge ha dichiarato che "è un primo passo verso i diritti dei marittimi".
L'armatore, che controlla Moby e Tirrenia, aggiunge polemicamente che "è riconosciuto ufficialmente il grande tradimento, ovvero il fatto che i benefici fiscali accordati agli armatori dovessero trovare motivazione nella tutela occupazionale dei marittimi italiani e quindi nella difesa di una categoria che è stata invece, come lo dimostra il numero dei disoccupati oggi proiettato oltre il tetto delle 60mila unità, abbandonata a se stessa da chi aveva il dovere, sancito per legge e violato nelle applicazioni pratiche, di occuparsi di loro".
Onorato conclude affermando che bisogna ora attuare "in tempi brevissimi" la totale revisione della Legge 30/98: "In un momento in cui finalmente nei programmi politici torna ad apparire il concetto di italianità, come valore e obiettivo, eserciteremo costantemente la nostra funzione di sprone sul nuovo governo per continuare questa battaglia decisiva per la dignità dei lavoratori italiani e per il ripristino di condizioni di giustizia sociale".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 878

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed