TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Salvini “invade” il ministero dei Trasporti

E-mail Stampa PDF

Il ministro degli Interni ha annunciato che i porti italiani sono "chiusi" alle navi che trasportano i migranti recuperati in mare. Ma la competenza sugli approdi è del suo collega Toninelli.


Aquarius Nave Medici Senza FrontiereIl ministro degli Interni può impedire l'approdo delle navi nei porti italiani? Non risultano norme che glielo permettono, anzi, l'articolo 83 del Codice della Navigazione, che stabilisce le regole sul divieto di transito e sosta delle navi nel mare territoriale italiano, afferma chiaramente che "il ministro dei Trasporti e della Navigazione può limitare o vietare il transito e la sosta di navi mercantili nel mare territoriale, per motivi di ordine pubblico, di sicurezza della navigazione e, di concerto con il Ministro dell'ambiente, per motivi di protezione dell'ambiente marino, determinando le zone alle quali il divieto si estende".
Non si parla, quindi, di ministero degli Interni, almeno fino a quando i marittimi o i passeggeri delle navi non toccano il suolo italiano. Perciò, dichiarando in modo eclatante che i porti italiani sono chiusi alle navi che soccorrono i migranti, il ministro Salvini ha "invaso il campo" del suo collega Toninelli, che da questa campagna è stato preso in contropiede e ha reagito debolmente, con affermazioni generiche rilasciate alla rete televisiva Sky TG24 sulla nave Aquarius: "Certamente per alcuni giorni ci saranno viveri a sufficienza e a breve ci sarà evidentemente una risposta". Quale sarà, non lo ha detto, nonostante debba provenire proprio dalla sua scrivania.
In realtà, sulla vicenda dell'Aquarius non risultano, almeno fino al primo pomeriggio di oggi, provvedimenti formali di divieto di transito o di approdo, ma solo dichiarazioni lanciate sui social network e alle reti televisive. La nave di Medici Senza Frontiere con 629 persone a bordo soccorse la notte del 10 giugno al largo delle coste libiche (tra cui 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte) sta ancora aspettando l'assegnazione di un porto sicuro.
In una nota diffusa oggi, Medici Senza Frontiere precisa che il salvataggio delle 629 persone è avvenuto "sotto il coordinamento della Guardia Costiera Italiana". Quattrocento di queste persone sono state imbarcate sull'Aquarius dopo essere state soccorse dalla Marina Militare Italiana, dalla Guardia Costiera Italiana e da navi mercantili. In un tweet diffuso alle 11:18, MSF Italia precisa che "la nave Aquarius ha ricevuto istruzioni dal coordinamento della Guardia Costiera Italiana di rimanere in standby nell'attuale posizione, a 35 miglia nautiche dall'Italia e 27 da Malta".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1801

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed