TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

AssArmatori difende diritto all’autoproduzione

E-mail Stampa PDF

Il 18 maggio 2018 l'associazione degli armatori ha rivendicato la possibilità delle compagnia di svolgere direttamente operazioni portuali relative alle proprie navi, affermando che già lo fanno Gnv e Caronte & Tourist.


Marittimi container fissaggio navePochi giorni dopo lo sciopero nazionale dei portuali attuato dai sindacati confederali, che si oppongono all'autoproduzione nei porti italiani, l'associazione degli armatori AssArmatori interviene con una nota che viceversa rivendica questa possibilità, spiegando che è permessa da vent'anni da Leggi nazionali ed europee. L'associazione esprime "piena volontà e disponibilità a discutere le modalità attuative di questo diritto anche con le Organizzazioni Sindacali, ma non la negazione di questo diritto. Il tutto ribadendo con forza che la sicurezza è priorità assoluta per gli armatori e lo è ovviamente per gli equipaggi delle navi".
AssArmatori aggiunge di stare seguendo "con grande attenzione" l'agitazione sindacale in Sicilia contro la decisione della compagnia Caronte & Tourist Spa di estendere alla propria impresa controllata, C&T - Isole Minori Spa, l'utilizzo del personale di bordo per svolgere operazioni di rizzaggio e derizzaggio di mezzi commerciali. La nota precisa che "Caronte Tourist ha anche ribadito la disponibilità a farsi carico, nell'ambito dei propri organici e delle proprie tipologie di lavoro, di eventuali esuberi che l'attività di autoproduzione dovesse indurre sul territorio".
In Sicilia, la compagnia sta applicando quanto prevede la Legge 84/94 (comma 4, lett. d) dell'art. 16) e dal Decreto Ministeriale n. 585 del 31 marzo 1995 che ha stabilito le modalità attraverso le quali le imprese di navigazione possono avvalersi delle attrezzature e del personale di bordo per effettuare operazioni e servizi portuali. L'associazione sta seguendo anche il caso di Gnv, che nei giorni scorsi è stata multata dalla Capitaneria di Porto proprio per avere attuato autoproduzione. In questo caso, la compagnia marittima ha operato "nell'incertezza normativa vigente nei porti governati dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure occidentale e comunque agendo in trasparenza sulla base di un'intesa con la Compagnia dei lavoratori portuali".
AssArmatori si dichiara disponibile a un confronto con i sindacati e le Autorità, ma tale confronto "non può basarsi su una negazione della Legge, e quindi di un diritto primario delle imprese armatoriali, che può e deve vertere invece sulle modalità attraverso le quali questo diritto viene esercitato nelle singole realtà locali, al fine di individuare possibili abusi che in nessun caso possono far mettere in discussione un impianto legale e una prassi operativa oramai indiscutibile".
La nota dell'associazione conclude affermando che "non esistono margini invece sulla negazione del valore di una legge e sulla pretesa di assegnare un'esclusiva della sicurezza ai lavoratori portuali, disconoscendo la professionalità dei marittimi, comprovata anche da corsi professionali particolarmente accurati e riconosciuti a livello internazionale, nonché dal fatto che in queste funzioni i marittimi sono perfettamente abilitati a intervenire anche in navigazione".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!

 
Letture:: 1025

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed