TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Moby e Tirrenia crescono sulle linee siciliane

E-mail Stampa PDF

Il gruppo guidato da Vincenzo Onorato chiude il 2017 in utile ma rinegozia i termini del finanziamento con le banche. Annuncia due rotte tra Catania e Napoli e tra Napoli e Malta.


Moby traghetto Cargo  Super Fast Baleares banchinaIl Gruppo Moby nel 2017 ha trasportato nel Mediterraneo 6,2 milioni di passeggeri (-3,9%) e 7,5 milioni di metri lineari di merce rotabile (+13,1%). L'azienda controllata da Vincenzo Onorato e guidata dal figlio Achille in qualità di amministratore delegato nel proprio rapporto di fine anno sui risultati 2017 si definisce inoltre market leader sulle rotte da e per la Sardegna con una quota del 67% nei passeggeri e 69% nel cargo ro-ro. Per quanto riguarda invece le rotte merci da e per la Sicilia (con i porti di Livorno e Genova) Moby ha reso noto di aver incrementato la propria quota di mercato dal 30% del 2016 al 39% del 2017 con ricavi saliti da 51 a 67 milioni di euro.
Nell'esercizio appena trascorso il gruppo della balena blu ha visto l'avvio della rotta Nizza-Bastia, lo sbarco sulle rotte del Mar Baltico e il rafforzamento delle linee cargo verso la Sicilia e Malta: tre iniziative che hanno avuto un impatto negativo sull'Ebitda quantificato dal management di Moby in 22,6 milioni di euro. Onorato ha anche annunciato due nuove rotte: la Napoli-Catania, con frequenza di tre viaggi la settimana e navigazione notturna attuata con la nave Hartmut Puschmann e la Napoli-Malta, anch'essa con tre viaggi settimanali tramite transhipment.
Per quanto riguarda il bilancio, Moby ha chiuso l'esercizio 2017 con ricavi pari a 586,2 milioni di euro (in crescita del 8,9%), un Ebitda pari a 131,8 milioni (+13,3%) e un risultato d'esercizio positivo per 24 milioni contro i 7,7 dell'anno precedente. Dal report finanziario presentato agli investitori del bond da 300 milioni in scadenza nel 2023 (cedola 7,75%) emergono però alcune informazioni importanti fra cui una rinegoziazione del debito da 244 milioni con le banche avvenuto nei primi mesi del 2018.
Si apprende ad esempio che a generare il risultato netto positivo del 2017 (per 24,5 milioni) hanno contribuito in maniera determinante le plusvalenze ottenute dalla vendita di due navi (pari a 9,9 milioni per il traghetto Dimonios e 11,5 milioni per il ro-ro Puglia) e i rimborsi assicurativi (pari a complessivi 10,6 milioni) per riparazioni già effettuate alle navi conseguenti a incidenti. Il totale dunque delle plusvalenze e delle entrate non ricorrenti ammonta a 32,2 milioni di euro e senza queste il risultato d'esercizio di Moby sarebbe stato negativo per 7,7 milioni. Oltre a ciò a bilancio è stato registrato un allungamento di dieci anni della vita utile di diversi traghetti con un impatto positivo sulla svalutazione della flotta pari a 10,5 milioni di euro.
L'aumento dei ricavi, pari a 47,9 milioni di euro, è dovuto quasi esclusivamente all'aumento delle entrate nel segmento di business del trasporto via mare di passeggeri e merci (le cui entrate sono aumentate di 47,4 milioni) mentre i costi sono saliti sia per l'acquisto di materie prime, soprattutto carburante (38,5 milioni) e servizi (16,4 milioni), sia per il personale (14,9 milioni) per effetto dell'apertura di nuove linee soprattutto verso Malta e la Corsica.
Dai documenti contabili si apprende inoltre che, oltre ad aver rimborsato 40 milioni di euro alle banche lo scorso febbraio e aver ottenuto una valutazione superiore a un miliardo di euro per le proprie navi in flotta (date in garanzia ai finanziatori), Moby nei primi mesi di quest'anno ha ottenuto condizioni migliorative sul leverage ratio covenant (elevato a 5,5x) a fronte però di un costo del denaro più elevato (portato al 4,75%). A fine 2017 la compagnia controllata da Onorato aveva rispettato i due covenant previsti dal contratto di finanziamento (consolidated leverage ratio e loan to secured fleet value) ma la rinegoziazione dei termini del finanziamento lascia pensare che evidentemente quest'anno il gruppo avrebbe avuto maggiori difficoltà a rispettare i vincoli finanziari imposti dalle banche.
Secondo l'amministratore delegato Achille Onorato, invece, "in un'ottica di crescita e di sviluppo del gruppo, le banche finanziatrici hanno accordato a Moby un 'ratio' più elevato (rapporto debito-ebitda) per supportare i progetti di sviluppo per tutto il 2018. Il gruppo ha chiuso il 2017 con un risultato positivo superiore ai 27 milioni. Risultato che avrebbe potuto essere ancora superiore e sfiorare i 50 milioni considerando che oltre 20 milioni sono stati investiti nell'avvio delle attività start-up lanciate nel 2017".

Nicola Capuzzo

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1143

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed