TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Scontro sulle tasse dei porti italiani

E-mail Stampa PDF

L'organismo comunitario DG Competition ammonisce l'Italia a far pagare le imposte sui proventi delle concessioni portuali, minacciando un'azione per aiuti di Stato, mentre Assoporti e Confetra la contestano.


Savona porto alto fortezza bacinoUn nuovo fronte si è aperto tra la Commissione Europea e gli operatori del trasporto e questa volta riguarda i porti. La vertenza è scoppiata all'inizio di aprile 2018, quando l'ufficio comunitario sulla concorrenza – la DG Competition – ha inviato al Governo italiano una nota in cui stabilisce che i canoni raccolti per le concessioni demaniali nei porti devono essere soggetti a imposizione fiscale. La Commissione ritiene infatti che le Autorità portuali siano organismi coinvolti in attività economiche, quindi devono pagare le tasse. L'attuale esenzione comporta, secondo DG Competition, un illecito aiuto di Stato che distorce la concorrenza nell'Unione.
Contro questa interpretazione si sono mosse Assoporti e Confetra. Il presidente dell'associazione delle Autorità portuali, Zeno D'Agostino, afferma chiaramente che questa decisione rischia di mettere in ginocchio i porti italiani: "Considerare l'attività di riscossione espletata dalle nostre Autorità alla pari delle attività economiche di un'impresa di diritto privato è un grave errore interpretativo", ha dichiarato D'Agostino. "Oltre a essere un controsenso rispetto alle funzioni di regolazione e vigilanza in capo alle stesse, essendo queste ultime chiaramente di natura pubblica, si tratta di una misura di coordinamento di politica dei trasporti. Inoltre, tale imposizione costringerebbe le Autorità di Sistema Portuale ad applicare canoni concessori e autorizzativi più alti, a discapito delle imprese che lavorano nei porti".
D'Agostino conclude affermando che Assoporti intende "promuovere un'azione compatta e coesa da parte di tutto il cluster marittimo-portuale nei confronti del Parlamento Europeo, del Parlamento Nazionale e del futuro Governo. Provvederò a contattare tutte le associazioni del cluster nei prossimi giorni in modo da lavorare insieme, ed evitare un danno così enorme ad una risorsa così importante".
Una prima risposta è giunta da Confetra, il cui presidente Nereo Marcucci ha accolto la proposta di D'Agostino: "Il cluster marittimo contrasti unitariamente, ed auspicabilmente accanto ad un Governo forte ed autorevole, questa incomprensibile posizione della DG Competition della Commissione UE sui porti italiani. Le AdSP sono pubblica amministrazione centrale dello Stato, detengono poteri tipicamente pubblici di regolazione, ordinanza e vigilanza. Quale articolazione amministrativa dello Stato svolgono attività di riscossione canoni e diritti, hanno una governance interamente istituzionale nominata da Governo ed Enti Locali. Considerarle alla stregua di imprese private, assoggettandole così alla fiscalità generale, mi pare un esercizio davvero fantasioso".
Marcucci esterna anche il timore che "questa creatività interpretativa della Commissione sia il frutto di pressioni ed interessi politici nazionali di Stati Membri nostri competitors nei traffici marittimi e nella logistica. Mi pare questo uno di quei classici casi in cui un Paese è chiamato a fare sistema per difendere, a Bruxelles, le proprie fin troppo evidenti ragioni. Gli effetti nefasti di una simile incomprensibile posizione, infatti, colpirebbero le Autorità di Sistema, i terminalisti, i concessionari, gli operatori di manovra ferroviaria, ovviamente l'armamento, togliendo competitività ai porti ed a tutta la filiera logistica che da essi poi si dirama verso imprese e consumatori".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 823

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed