TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Porto Trieste risarcirà 600mila euro per morte amianto

E-mail Stampa PDF

Il Tribunale Civile di Trieste ha condannato l'ASP Mare Adriatico Orientale a risarcire i familiari di Gino Gruber, un lavoratore portale morto per mesotelioma.


Giudice Martelletto Fotolia 71240213 XSL'amianto ha colpito anche il porto di Trieste, causando la morte nel dicembre del 2015 di Gino Gruber, un lavoratore che ha lavorato per oltre trent'anni in una cooperativa e deceduto a 71 anni per mesotelioma, ossia una malattia mortale causata dall'esposizione all'amianto. Nella causa civile sorta dopo questa morte, il giudice del Lavoro ha ritenuto responsabile l'Autorità Portuale (ora divenuta Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale) di responsabilità passiva, condannandola a un risarcimento di 645mila euro per i familiari. L'Asp ha annunciato ricorso contro la sentenza.
Gruber era un socio lavoratore della cooperativa Terra, che svolgeva manodopera al porto e durante il suo lavoro scaricò amianto dalle navi provenienti dal Sudafrica. Il quotidiano triestino Il Piccolo spiega che in quel periodo, ossia dagli anni Sessanta all'inizio degli anni Novanta, l'amianto era trasportato in sacchi di carta da 25 chili imbragati a piramide sulle gru. I sacchi potavo facilmente rompersi e i lavoratori non avevano tute o maschere. Durante quel trentennio sono sbarcate a Trieste circa 600mila tonnellate di amianto.
In quel periodo, l'amianto non era inserito nelle tabelle dell'Inail sui materiali ritenuti pericolosi, quindi non era obbligatoria alcuna prevenzione. Però i giudici hanno considerato una comunicazione inviata dal direttore dell'Ufficio del Lavoro Portuale nel 1978 alle associazioni ed enti interessati che la movimentazione dell'amianto presentava dei rischi per la salute, citando esplicitamente il mesotelioma. Il dirigente consigliava maggiori protezioni per la sostanza, ma l'unica prevenzione per i portuali è stata la somministrazione di latte.
Questa è la prima sentenza sull'amianto nel porto di Trieste, ma non la prima in assoluto in Italia. È la seconda nell'Adriatico settentrionale, dopo quella del marzo scorso in Appello per il caso di un lavoratore nel porto di Venezia, morto nel 2005 a 59 anni in circostanze analoghe a quelle di Gruber. Sempre quest'anno, in aprile, il Tribunale di Carrara ha condannato l'Inps a rivalutare la posizione contributiva di sei lavoratori del porto di Marina di Carrara al fine di concedere loro il prepensionamento per esposizione all'amianto.
Restando sul versante tirrenico, nel 2012 è stata condannata la compagnia portuale Pippo Rabagliati di Savona a risarcire due ex soci lavoratori per un totale di 2,4 milioni di euro. Anche in quel caso, la corte di Appello respinse la richiesta di annullamento e nel marzo 2015 confermò la sanzione sostenendo che i lavoratori maneggiarono amianto senza le dovute protezioni durante gli anni Sessanta. In questo caso, i giudici hanno ritenuto unica responsabile la compagnia portuale, escludendo l'Autorità Portuale. Sempre il Liguria, il Tribunale di Genova ha condannato nel gennaio del 2015 l'Autorità Portuale a pagare quasi un milione di euro i familiari di Elio Luigi Pagano, e socio della Compagnia Unica, morto per mesotelioma nel 2008.
Queste sentenze pongono alcune questioni che impegneranno le ASP e le compagnie portuali per i prossimi anni. La prima riguarda la responsabilità, perché i giudici di Trieste, Venezia e Genova ritengono responsabile l'Autorità Portuale per mancata vigilanza sulla sicurezza del lavoro, mentre quelli di Savona imputano l'intera resposanbilità al datore di lavoro, ossia la compagnia portaule. In tutti i casi, questa è una bomba a orologeria che può compromettere le finanze delle Asp e delle compagnie, vista l'entità dei risarcimento e il numero dei lavoratori interessati. Una bomba che può scoppiare a distanza di anni, perché l'incubazione del mesotelioma è lunga e la malattia può manifestarsi anche dopo venti o trent'anni dall'esposizione.

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1119

Camionsfera TV

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Trasportonline banner ottobre 2017

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed