TrasportoEuropa

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Chiusa la vicenda Hanjin in Italia

E-mail Stampa PDF

Fedespedi comunica l'8 febbraio 2017 che si è conclusa positivamente la vicenda dei seimila container destinati all'Italia che erano in navigazione dopo l'annuncio della bancarotta a fine agosto.


Hanjin Italy navigazione vassel finderIl fallimento della settima compagnia di trasporto container del mondo è stato il primo caso (e si spera l'ultimo) che ha visto decine di portacontainer bloccate nei porti o nelle acque internazionali perché non c'erano risorse per pagare i creditori e i servizi portuali. Un'odissea che ha travolto anche migliaia d'imprese italiane che hanno rischiato di non ricevere la loro merce e comunque la hanno ricevuto con forte ritardo.
La prima fase dell'emergenza è iniziata a settembre 2016 e ha coinvolto Fedespedi, che ha contribuito a portare in Italia i container pieni grazie a una polizza fideiussoria globale firmata lo stesso mese di settembre con Hanjin Shipping e con i terminal italiani, che ha permesso lo sbarco di oltre seimila contenitori. Ora Fedespedi annuncia che si è conclusa anche la seconda e ultima fase, ossia la riconsegna dei container vuoti, che rischiavano d'intasare i terminal italiani perché non ci sono più navi che li rimettono in circolo.
"La riconsegna di tutti i contenitori vuoti pone fine a una vicenda che ha evidenziato, ancora una volta, la grande professionalità e il ruolo strategico degli spedizionieri nella filiera del trasporto merci", spiega Roberto Alberti, presidente di Fedespedi. "In una situazione complessa e senza precedenti le nostre aziende hanno svolto al meglio il proprio lavoro al fianco della committenza, evitando danni e ripercussioni sul mercato derivanti dall'eventuale mancata consegna delle merci".
Alberti ha concluso dichiarando che "il sistema associativo ha saputo fare quadrato riuscendo a dare un supporto ai nostri associati. L'azione di Fedespedi, con il sistema confederale, ha fornito un aiuto concreto in una crisi che avrebbe potuto avere conseguenze molto gravi per il sistema economico italiano, dall'industria al commercio, fino ai servizi".

© TrasportoEuropa - Riproduzione riservata - Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


  Puoi commentare questo articolo nella pagina Facebook di TrasportoEuropa

 bottone newsletter piccoloVuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità sul trasporto e la logistica e non perderti neanche una notizia di TrasportoEuropa? Iscriviti alla nostra Newsletter con l'elenco ed i link di tutti gli articoli pubblicati nei giorni precedenti l'invio. Gratuita e NO SPAM!


 
Letture:: 1848

Camionsfera TV

Banner Trasporto Online 180x250 marzo 2016

newsletter_bottone

Iscriviti alla nostra Newsletter: riceverai nella tua casella di posta elettronica l'elenco con link delle ultime notizie pubblicate su TrasportoEuropa.

Informativa sulla privacy

Ricerca


Imprese

Camion ibrido alla conquista delle città


Fuso Canter Hybrid mareLa giapponese Fuso, del Gruppo Daimler, ha in listino il Canter Eco Hybrid, un autocarro con massa complessiva da 3,5 a 8,55 tonnellate che utilizza la trasmissione ibrida diesel-elettrica,...

j4age component required, but not installed